Arte & Passione dal 1982

Nel 1982 ai piedi dei monti Lattari, nei pressi di un castello medievale, nasce
                                  La Carmencita di Nunzio Mascolo.
Questa non è semplicemente la storia della pizza e di una famiglia, è il racconto di un paese e della sua memoria, di un lavoro raffinato e preciso, semplice e lungo. Che prende vita da un soffio di farina, da qualche granello di sale e dal criscito, quello che conosciamo come lievito madre e si intreccia Arte con la Passione della  Famiglia
Mascolo, con la lungimiranza delle sue idee innovative che l’hanno portata a scommettere sulle loro capacità e sulla realtà di Nunzio Mascolo, fino a dirigere autonomamente a soli 23 anni un’attività impegnativa,dal 1999.
La famiglia Mascolo da origine così ad una lunga tradizione di maestri pizzaioli, stando attenti alle innovazioni e alla scelta del grano sempre piu selezionato.
Nel 1985, la famiglia Mascolo ha dato vita ad un’altra tradizione, quella della sagra della porchetta, presenziando con il primo stand alla Fiera Campionaria di Sant’Antonio Abate
ad oggi siamo arrivati alla 39 esima manifestazione.

Nel 1999 nasce il Panuozzo, così per caso, creando un’alternativa alla pizza.

Il panuozzo oggi  è uno dei  prodotti più tipici e conosciuti della tradizione culinaria della città di Gragnano, in provincia di Napoli. 
Grazie alla sua immane bontà è stato “esportato” in varie zone. Si tratta di un panetto di pasta con procedura  rigosoramente fatto in maniera artigianale, la cui forma ricorda quella del pane, misura 30 cm ed è realizzato con l’impasto della pizza, la cui cottura, articolata in due fasi, deve tassativamente essere realizzata nel forno a legna. La prima è istantanea ed è necessaria per cuocere l’impasto e dividerlo a metà; la seconda dura circa tre minuti e comprende la farcitura.

Nessun passato può resistere così a lungo senza la passione e una forte volontà, con la bravura e l’attenzione di chi crede che nel panetto ci sia il segreto per una vita ispirata alla lentezza e alla tranquillità. Il sottoscritto , a questi principi, ha aggiunto la lungimiranza delle idee innovative che l’ha portata a dirigere autonomamente un’attività impegnativa, con convinzione, scommettendo sulle sue capacità e sulle persone che ha intorno: «Insieme a me e, ovviamente ai miei genitori, ci sono quattro dipendenti, anche loro giovani, mia moglie  Giulia Cesarano e mio primo figlio Vincenzo Mascolo giovanissimo 14 enne, 

Tutti insieme con Passione

                                                                                   http://www.lacarmencita.it

Facebook Comments